Home News

News

Decreto ministeriale del 17 maggio 2016

Finalmente, la strada per avere una buona informazione è in fase di costruzione. In questi anni si è sentito molto nel gluten free. Ora è chiaro scompare la dicitura “PRODOTTO DIETETICO” e sarà: Prodotto “senza glutine, specificamente formulato per celiaci” e alimento “senza glutine, specificamente formulato per persone intolleranti al glutine”: saranno queste le nuove etichette che, anche in Italia secondo il recente decreto ministeriale e in conformità con le normative europee.

Anche perchè l’idea che alcuni, anzi molti, si erano fatti “FARMACIA+PRODOTTO DIETETICO=prodotto per persone che sono costretti ad andare in farmacia per mangiare. Non è mai stato così, ora ci sarà chiarezza e fra qualche anno sarà tutto più chiaro.

Il decreto ministeriale del 17 maggio 2016 “Assistenza sanitaria integrativa per i prodotti inclusi nel campo di applicazione del regolamento (UE) 609/2013 e per i prodotti alimentari destinati ai celiaci e modifiche al decreto 8 giugno 2001” sancisce il diritto per i celiaci all’erogabilità gratuita degli alimenti privi di glutine sostitutivi degli alimenti a base di cereali, secondo i contributi economici mensili distinti per sesso e per fascia di età. Ovvero rimborsabili per un tetto di spesa massima di 45 euro per lattanti e bambini di età compresa fra 6 mesi e un anno; di 62 euro per piccoli fino a 3 anni e mezzo; di 94 euro fino a 10 anni indipendentemente dal sesso, e per gli adulti maschi di 140 euro e di 99 euro per le donne.

Inoltre il decreto intende perseguire l’impegno per l’istituzione di una rete per la prevenzione e attenzione alla celiachia e implicazioni correlate, in funzione di quanto stabilito già dal precedente decreto 279 del 18 maggio 2001.
Il nuovo Regolamento verrà applicato dal 20 luglio 2016, data di abrogazione della Direttiva 2009/41.